Proprio ieri mi è arrivata la newsletter di Macupdate Promo: il software in questione era Xslimmer, di cui ignoravo totalmente l’esistenza.
Come saprete, prima di avere un’architettura Intel, i Mac usavano l’architettura PowerPc; e una buona idea nella programmazione di un software è quella di cercare il maggior bacino di utenza possibile, senza spendere più del necessario nella programmazione.

Apple ha quindi introdotto il concetto di Universal Binary, ovvero un eseguibile in grado di girare sia su piattaforme PowerPC che Intel.
Una cosa innovativa, senza dubbio, con un rovescio della medaglia: lo spazio su disco occupato. Infatti, fare un eseguibile compatibile con entrambe le architetture richiede più spazio su disco di un eseguibile compatibile con una sola architettura.
E tra l’altro, spazio su disco inutilizzato: nel caso infatti stiate utilizzando un Mac con piattaforma Intel, le “informazioni” che servono al programma per essere eseguito su PowerPC sono inutili. Quindi perchè non rimuoverle?

Ci viene in aiuto per questo Xslimmer

Xslimmer serve infatti ad eliminare tutte le informazioni inutili delle vostre applicazioni, in modo del tutto automatico.

Ma poichè alcuni programmi fanno un controllo per vedere se è stato rimosso qualcosa al loro interno (ad esempio programmi di sistema), Xslimmer contiene una lista nera aggiornata via internet, di applicazioni da non toccare.
Potrete anche aggiungere voi programmi ad una vostra black list personalizzata e segnalare l’applicazione allo sviluppatore.

Lo spazio che si riesce a recuperare è rilevante: io sono riuscito a recuperare quasi 2Gigabyte di spazio, con un centinaio di applicazioni.

Il programma costa solo $14.95 ed esiste una versione di prova.